Chi siamo

Siamo al centro di Napoli a 200 metri dalla stazione metropolitana Universitá. Da oltre 40 anni ci dedichiamo alla professione con estrema passione. Siamo esperti in patologie della motilitá oculare-strabismo, oftalmologia pediatrica, neuroftalmologia ed elettrofisiologia della visione. Abbiamo una lunga e provata esperienza nella diagnosi e gestione di patologie ereditarie-genetiche del nervo ottico e della retina.

Nella vita ti possono aiutare molte cose: un medico di eccellenza come lei, la fortuna, la scienza e la fede... lei è, e resterá il mio punto di riferimento piú grande.

Alessandra

GA_edited.jpg

Prof. dott. Gennaro AMBROSIO

Oculista

Docente a contratto  

Dipartimento di Neuroscienze, Scienze Riproduttive ed Odontostomatologiche

Scuola di Medicina e Chirurgia

Università degli Studi di Napoli Federico II

viviana-new_edited.jpg

Dott.ssa Viviana D'Alterio

Ortottista ed assistente di oftalmologia

Laurea in Scienze riabilitative delle professioni sanitarie

Dipartimento di Neuroscienze, Scienze Riproduttive ed Odontostomatologiche

Scuola di Medicina e Chirurgia

Università degli Studi di Napoli Federico II

Prenota un consulto 

Lo studio oculistico Ambrosio offre competenza professionale unita ai piú recenti ed avanzati strumenti diagnostici per la cura di patologie oftalmologiche in adulti e bambini.

Siamo specializzati nel trattamento di strabismo, cataratta, glaucoma, patologie retiniche, neuroftalmologiche. ed elettrofisiologia della visione (ERG, PEV) 

 

I nostri servizi

Visita oculistica

La misura della refrazione è l'esame visivo comunemente, e impropriamente, detto “misurazione della vista”. Solitamente, inizia con la determinazione della capacità visiva in termini di acuità. Qualora l'acuità visiva risulti compromessa, oppure siano presenti sintomi di affaticamento visivo o di alterazione della visione binoculare, si passa a determinare la presenza di una eventuale ametropia, ossia di un difetto ottico che sfuoca le immagini sulla retina. Compito dell'esame rifrattivo è quello di determinare l'entità del difetto e di prescriverne la correzione ottica. 

Alla misurazione della refrazione segue una analisi biomicroscopica oculare, prima in miosi, poi in midriasi, alla lampada a fessura per valutare l’integrità di tutte le strutture anatomiche che costituiscono il bulbo oculare. Ed infine la misura del tono oculare.

Visita ortottica

L’ortottica è la disciplina che si occupa della valutazione dei disturbi della motilità oculare e della visione binoculare e del trattamento dell’ambliopia.

La valutazione ortottica è necessaria ogni qualvolta ci si trova di fronte ad una patologia come lo strabismo sia in età pediatrica che in età adulta, o in presenza di sintomi come la diplopia (visione doppia).

Perimetria computerizzata

L’esame del campo visivo viene eseguito con un apparecchio computerizzato che misura la sensibilità della retina alla luce, mostrando al soggetto uno stimolo luminoso. Il soggetto in esame tenendo lo sguardo fisso su un punto centrale, risponderà, tramite un pulsante, ogni qualvolta sarà in grado di apprezzare lo stimolo presentatogli in tutto il campo visivo che intendiamo testare.

La perimetria computerizzata è parte integrante dell’iter diagnostico di patologie neuroftalmologiche come la malattia glaucomatosa, otticopatie ecc.

Oftalmologia pediatrica e chirurgia dello strabismo

Il piccolo paziente (da 0 a 7 anni) in Oftalmologia rappresenta rispetto all’adulto un’entità distinta. Per tale motivo sin dalla prima valutazione ci si dovrebbe servire di approcci diagnostici adeguati: adoperare stimoli visivi e piccoli oggetti per i quali il paziente pediatrico può manifestare un certo interesse (stimoli luminosi, piccoli oggetti che emettono suoni ecc.). Inoltre è necessario che l’oftalmologo abbia una notevole esperienza in questo campo.

La visita oculistica completa pediatrica prevede senza dubbio la valutazione anche in midriasi (instillando un collirio midriatico durante la visita). In taluni casi alla valutazione in midriasi seguirà una valutazione in cicloplegia atropinica. 

Neuroftalmologia ed elettrofisiologia della visione

Come si valuta la corretta funzionalità del sistema visivo ? Quando è necessario approfondire questi aspetti?

Le indagini psicofisiche (valutazione dell’acuità visiva, campimetria e perimetria, esame del senso cromatico e della sensibilità al contrasto) si basano su risposte soggettive fornite dal paziente, e non permettono di identificare in maniera selettiva quali strutture della via ottica siano funzionalmente compromesse. 

Le indagini elettrofunzionali (elettroretinogramma-ERG, elettroretinogramma da pattern-PERG, potenziali evocati visivi-PEV) forniscono invece informazioni selettive sulla funzionalità dei vari segmenti della via visiva. Costituiscono una metodica semeiologica obiettiva, non invasiva.

Le indagini elettrofisiologiche sono fondamentali per la diagnostica di degenerazioni fotorecettoriali retiniche genetiche ed acquisite, nonché nella diagnostica neuroftalmologica, in presenza ad esempio di alterazioni della conduzione del nervo ottico e delle vie ottiche posteriori.

 
 
 
 
 
 

CONTATTI

Napoli - Via M. Schilizzi, 16 (Piazza Borsa)

80133​

Tel. 081 5511028

Lun e Gio: 14h - 18h

San Giuseppe Vesuviano (Na) - Piazza Garibaldi, 30

80047

Tel. 081 8271034

Mar e Ven: 14h - 19h

prenota una visita